22450014_1567259390 In Category One,News

Rapporto sugli obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2018

L’ONU hanno pubblicato il rapporto annuale che delinea i progressi realizzati e le sfide che ancora restano da affrontare per raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals – SGDs) stabiliti nel 2015 dall’ambiziosa Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

I dati più significativi che emergono da quest’ultimo report riguardano i seguenti SDGs:

N. 2_ “porre fine alla fame, realizzare la sicurezza alimentare e una migliore nutrizione e promuovere l’agricoltura sostenibile”: tra il 2015 e il 2016 le persone denutrite sono aumentate di 38 milioni (+0,4%). Oltre a denutrizione e deperimento, si acuiscono i problemi di “mal nutrizione”: l’obesità colpisce 38 milioni di bambini e 2 miliardi di persone nel mondo. Uno dei pilastri della sicurezza alimentare riguarda infatti l’utilizzo stesso degli alimenti, che non deve mai trasformarsi in abuso (FAO).

N. 4_ “assicurare un’istruzione inclusiva ed equa per tutti”: l’accesso all’istruzione continua ad essere molto impari e legato al genere. Inoltre, più della metà dei bambini e degli adolescenti del mondo non raggiunge i requisiti minimi in termini di capacità di lettura e conoscenza matematica.

N.5_ “raggiungere la parità di genere e l’empowerment di tutte le donne e le ragazze”: se da un lato alcune forme di discriminazione di genere sono diminuite, dall’altro le donne nel mondo continuano ad essere private di diritti e di opportunità. Nel 2017 una ragazza su 3, tra i 15 e i 19 anni, è stata soggetta a mutilazioni genitali nei 30 paesi del mondo dove questa pratica è ancora diffusa.

N.13_ “adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze”: il 2017 è stato uno dei 3 anni più caldi della storia e la temperatura media registrata nel periodo 2013 – 2017 è stata la più alta di sempre.
Per contribuire a contrastare il cambiamento climatico e i suoi impatti negativi, è stata ratificato l’accordo COP21 (2015), firmato da 167 paesi con l’obiettivo di limitare le emissioni a partire dal 2020. Tuttavia, questo accordo ha già generato non poche critiche, soprattutto riguardanti l’eccessiva ambiziosità e la concreta fattibilità del programma.

I dati evidenziati dal report sono ancora più preoccupanti se analizzati rispetto alle attuali previsioni di crescita demografica, che solo per l’Africa prevedono la presenza di più di un miliardo di persone in più entro il 2050. Sulla base di questo andamento, gli obiettivi di sviluppo sostenibile, ad oggi già molto problematici e di complesso raggiungimento, richiederanno interventi ancora più incisivi.

Per saperne di più leggi il rapporto completo: https://unstats.un.org/sdgs/report/2018 .

Leave a Reply

Send Us Message

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>