: Category One

Orange the world, end violence against women

La violenza contro le donne costituisce una delle più diffuse, devastanti e persistenti violazioni dei diritti umani nel mondo. Abusi sessuali, violenza domestica, mutilazioni genitali, riduzione in schiavitù, spose bambine: leggi gli scioccanti dati dello studio dell’ONU e manifesta la tua solidarietà con “orangetheworld 2018”, “EWAW”.

Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia

La Giornata mondiale dei diritti dei bambini si celebra nel giorno in cui, nel 1989, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza il primo trattato che riconosce i minori come titolari di diritti propri.
Per la tutela dei bambini e dei loro diritti Alisei dal 1986 ha realizzato centinaia di progetti in tutto il mondo, collaborando con le famiglie, con le comunità e con le Autorità locali, le principali organizzazioni internazionali (UNICEF, PAM, UNHCR, ILO), contribuendo a migliorare le loro opportunità di ricevere un’istruzione, vivere in un ambiente sano, avere un’alimentazione sufficiente e nutriente, ricevere cure mediche adeguate, vivere in modo sereno la propria infanzia lontano da condizioni di guerra e conflitti, tratta e sfruttamento di minori. Il nostro impegno nel progetto “Le droit d’être enfant” ha contribuito all’elaborazione della Dichiarazione di Libreville del 2003, con la quale 7 Paesi dell’#Africa centro-occidentale si sono impegnati per armonizzare le proprie legislazioni nazionali a tutela dei diritti dell’infanzia.
Per conoscere e sostenere l’impegno di Alisei a tutela dei diritti dei bambini, visita il link.

La storia della lumaca gigante OBO

La lumaca gigante Obô di São Tomé è presente nella IUCN Red List, come specie vulnerabile e in rapido declino.
La IUCN Red List è un indicatore della salute della #biodiversità nel mondo, uno strumento per informare e indirizzare le azioni e le politiche di protezione delle specie a rischio. Ci sono tre principali cause per il declino della lumaca Obô, che ora si trova solo all’interno del Parco naturale di Obô. Uno tra questi è la distruzione del suo habitat naturale, dovuto alla crescente domanda di legname per edifici e piantagioni. Un altro motivo è l’utilizzo della lumaca gigante come alimento e medicinale. Infine l’introduzione nel suo habitat di specie invasive, per esempio l’Archachatina marginata. Questa specie di lumaca si è diffusa molto rapidamente, come riportato dal progetto Forest Giants, grazie alla sua capacità di adattarsi a diversi ambienti, tra cui piantagioni e aree urbane, contribuendo a ridurre il numero di lumache giganti Obô.

Il rapporto dell’ONU sulla crescita demografica globale

Secondo l’ultimo rapporto pubblicato dal Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA), nel 2050 la popolazione mondiale sarà aumentata di 2,2 miliardi di persone, delle quali oltre la metà nate nell’Africa sub-sahariana. L’UNFPA è il fondo dell’ONU che monitora l’evoluzione demografica mondiale, promuove l’accesso alle cure per la salute materna e riproduttiva e la tutela dei diritti sessuali. In particolar modo, il fondo studia le dinamiche demografiche nei Paesi in via di sviluppo e nei contesti a rischio o afflitti da conflitti e crisi umanitarie per “contribuire a creare un mondo dove ogni gravidanza sia desiderata, ogni nascita protetta e dove ogni giovane possa sviluppare il proprio potenziale”.
Come emerge anche da questo rapporto infatti, sembra esserci un legame evidente tra i conflitti e le condizioni di insicurezza e l’elevato numero di persone all’interno dei nuclei familiari (ad esempio in Afghanistan, Iraq, Palestina, Timor-Leste e Yemen, si registrano tassi di fecondità superiori alla media mondiale). Un’altra conclusione importante sottolineata da questo rapporto è la connessione tra alti tassi di natalità e la restrizione dei diritti fondamentali delle donne, che mina la loro libertà di scelta in termini di matrimonio e procreazione. Il rapporto di UNFPA attribuisce la grande crescita demografica attesa nell’Africa sub-sahariana nei prossimi anni proprio alla condizione della donna in questa regione, caratterizzata da un limitato accesso a servizi sanitari e istruzione e a un’accentuata discriminazione di genere. I dati pubblicati sono allarmanti: sono 300.000 le donne che perdono la vita durante la gravidanza o il parto e ogni giorno migliaia di donne vengono forzate ad avere dei figli o sottoposte a matrimoni precoci e mutilazioni genitali.
Ne emerge l’urgenza di adottare politiche e programmi di tutela dei diritti, che offrano informazione e assistenza sanitaria in modo che ciascuna donna possa avere gli strumenti per evitare o ritardare una gravidanza, avere un maggiore controllo della propria salute e decidere se, quando e in quale numero avere dei bambini. E in questo modo ridurre efficacemente la mortalità materna e infantile ovunque nel mondo.

La lumaca gigante di Sao Tomé e Principe

Avete mai sentito parlare della lumaca gigante? Probabilmente no, perché vive solo a Sao Tomè e Principe, dove tutti la chiamano buzio d’Obô, dal nome della foresta vergine che la ospita.
Seguiteci per saperne di più e per scoprire come possiamo proteggere questo inestimabile patrimonio di biodiversità!

World Food Day 2018

Sosteniamo gli agricoltori perchè coltivino prodotti sani e nutrienti, testimoni e ambasciatori della tradizione alimentare della terra da dove provengono.

É da loro che dipende l’alimentazione delle comunità di origine e la tutela della biodiversità