Tag Archives: Humanrights

70° ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI

Il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo. (dal Preambolo della Dichiarazione del 10/12/1948)

“Oggi la seconda guerra mondiale e l’Olocausto sono lontani, la coscienza sembra svanire e il grande progresso raggiunto attraverso la progressiva applicazione dei principi inerenti i diritti umani, stabiliti nella Dichiarazione Universale, viene dimenticato o colpevolmente ignorato”.
“L’universalità dei diritti viene contestata in gran parte del mondo. E’ sotto attacco da parte dei terroristi, dei leader autoritari e dei populisti, che sembrano solo determinati a sacrificare, in vario grado, i diritti degli altri per il potere.”
“E’ nostra responsabilità, di “noi, i cittadini” per cui questa Dichiarazione fu scritta, è mia responsabilità, tua, di chiunque in ogni città, provincia e paese dove c’è ancora spazio per esprimere il proprio pensiero, partecipare alle decisioni e far sentire la propria voce. Noi… dobbiamo agire per promuovere la pace, combattere contro la discriminazione e sostenere la giustizia”. (High Commission for Human Rights of United Nations).

Per saperne di più: link1; link2

“Eravamo donne sperdute nel nostro villaggio, poi è arrivata Alisei e ci siamo ritrovate…”

Questo ci hanno detto le donne di Doli, una delle 15 associazioni di agricoltrici che abbiamo formato nella regione del Guera, in Ciad, e a cui abbiamo donato un granaio comunitario che, proteggendo il valore economico dei cereali faticosamente raccolti, favorisce la loro emancipazione e la loro indipendenza.
I 15 granai che abbiamo realizzato con il contributo di European Commission – Development & Cooperation – EuropeAid, sono gli unici in tutta la regione ad essere diventati di proprietà di associazioni agricole di donne, una piccola grande rivoluzione, fondamentale per la crescita dei loro diritti e per lo sviluppo economico e sociale dell’area. Per saperne di più: link 

INTERNATIONAL DAY PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

“Che si svolga in casa, per le strade o durante una Guerra, la violenza contro le donne e le ragazze rappresenta una violazione dei diritti umani di proporzioni globali che si verificano in spazi pubblici e privati.”
La violenza contro le donne assume le forme della violenza domestica, dell’abuso sessuale, del traffico di esseri umani, della mutilazione degli organi femminili, dei matrimoni forzati e precoci. Ed è ancora oggi la più diffusa, persistente e devastante violazione dei diritti umani nel mondo. I dati pubblicati dall’ultimo rapporto sullo stato di avanzamento rispetto agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite in 87 Paesi illustrano una situazione allarmante: il 19% delle donne tra i 15 e i 49 anni ha subito violenze domestiche negli ultimi 12 mesi e in molti di questi casi le violenze hanno portato alla morte; in 30 Paesi al mondo 1 ragazza su 3 tra i 15 e i 19 anni è ancora sottoposta a mutilazioni genitali.
Nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, le Nazioni Unite- United Nations e le organizzazioni della società civile di tutto il mondo promuovono l’iniziativa UNITE to End Violence against Women volta a sensibilizzare e attivare la popolazione per prevenire e mettere fine a qualunque forma di violenza nei confronti delle donne e delle ragazze di tutto il mondo.
In particolare, il tema della campagna di quest’anno, “Leave no one behind: end violence against women and girls”, pone l’accento sulla necessità di raggiungere soprattutto le persone più a rischio ed emarginate, compresi i rifugiati, i migranti, le minoranze, le popolazioni indigene e quelle colpite da conflitti e da disastri naturali.
Alisei Ong Onlus che da sempre, in oltre 46 Paesi, lavora con le donne per tutelare i loro diritti, valorizzarne il ruolo e le capacità e promuovere la loro partecipazione attiva allo sviluppo economico e sociale delle loro comunità, anche quest’anno vuole dedicare questa campagna alle donne che ogni giorno, con il proprio impegno, dedizione e responsabilità sono le protagoniste di tutti i progetti di sviluppo.
Saranno loro, con i loro sorrisi e abiti meravigliosi, a colorare il mondo di arancione!
Per maggiori informazioni sull’impegno di Alisei Ong Onlus a tutela dei diritti delle donne visita il link

Con le donne del Congo a sostegno della produzione agricola!

Ormai da 3 anni, in collaborazione con l’Association Diocésane di Dolisie e le 14 associazioni agricole aderenti al progetto, lavoriamo nel Niari, regione situata nella parte occidentale del Paese, ai confini con il Gabon, con un grandissimo potenziale di sviluppo agricolo. Per rafforzare la capacità produttiva delle associazioni agricole, migliorare la sicurezza alimentare delle comunità residenti e rivitalizzare il settore agricolo, ancora debole e disorganizzato per mancanza di risorse e tecniche moderne di coltivazione, abbiamo investito soprattutto sulla formazione agricola, sull’inquadramento tecnico degli agricoltori e sulla creazione di una filiera per la commercializzazione dei prodotti.
Dalla costituzione delle cooperative ad oggi i risultati ottenuti grazie alle azioni del progetto sono tantissimi. Grazie al supporto tecnico, alla distribuzione di sementi e attrezzi agricoli e alle sessioni di formazione realizzate, oggi oltre 70 ettari di terreno sono coltivati a ortaggi (cavoli, peperoni, cipolle, pomodori, fagioli, spinaci, sedano) e manioca e i prodotti sono venduti nei mercati locali di Dolisie, Pointe Noire e Mossendjo.
Questa settimana festeggiamo un risultato eccezionale dei nostri agricoltori: ben 900 kg di cipolle sono stati raccolti nei campi e venduti al mercato agricolo di Dolisie! Questi risultati hanno una lunga storia fatta di lavoro, di aspettative, di tentativi, di errori, di scambi di saperi, di condivisione, di fatica. E’ il cammino difficile e complesso con cui ci impegniamo da sempre per sviluppare l’emancipazione dalla dipendenza e dal bisogno dei nostri beneficiari che diventano destinatari di beni produttivi e di competenze che favoriscono la loro indipendenza economica e lo sviluppo dell’inclusione sociale della loro comunità.
Una storia di cooperazione e di partecipazione.

Per saperne di più e per contribuire a questo progetto visita il link: AliseinCongo

GIORNATA MONDIALE PER ELIMINARE LE CAUSE DELLA POVERTA’

Il 17 ottobre del 1987 migliaia di persone si riunirono al Trocadéro di Parigi, dove nel 1948 fu firmata la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani per onorare le vittime della miseria, la violenza e la fame. Nel 1992 le Nazioni Unite hanno scelto questo giorno per promuovere iniziative volte alla riduzione della povertà nel mondo, un’emergenza umanitaria che affligge ancora oggi oltre 800 milioni di persone. 
Quest’anno, in occasione del 25 anniversario, un accento particolare viene posto sul”importanza dei valori di dignità e solidarietà per migliorare l’inclusione e la partecipazione delle famiglie più povere, perché la povertà non viene semplicemente misurata dal basso reddito, ma si manifesta in molteplici fattori correlati fra loro: accesso limitato alle cure sanitarie, all’istruzione e ad altri servizi essenziali e, troppo spesso, negazione o abuso di altri diritti umani fondamentali. La povertà è soprattutto mancanza di mezzi e opportunità.
Da oltre 30 anni Alisei Ong Onlus opera per contribuire alla riduzione della povertà attraverso l’eliminazione delle sue cause: la violenza e i conflitti, le disuguaglianze nell’accesso a salute, istruzione e risorse, il mancato rispetto dei diritti fondamentali.
Per saperne di più sul nostro impegno contro la povertà visita la pagina:
http://www.alisei.org/?page_id=1783

 

La promozione della cultura francofona

Nel quadro del Progetto Dilembá, co-finanziato dalla Commissione Europea- EuropeAid e gestito in partenariato con la Camara Distrital de Lembá, abbiamo firmato una convenzione di partenariato con Alliance Française, i cui obiettivi sono:
– sostenere la formazione dei giovani e degli adulti nel distretto di Lembá
– promuovere la cultura locale e nazionale
– promuovere lo scambio e la scoperta delle culture francofone