Tag Archives: Wildlife

Giornata mondiale della biodiversità 2019

Ogni giorno per noi è la giornata mondiale della biodiversità! Siamo impegnati per la protezione della flora e della fauna del Parco Nazionale di Zakouma (elefanti, rinoceronti, antilopi etc…) in Ciad e di quella del Parco di  Obo a Sao Tomė and Principe (lumache, uccelli, tartarughe..)

Proteggiamo la biodivesità del Parco di Zakouma!

Il Parco di Zakouma è uno dei parchi naturali più importanti in Africa: tutela molte specie endemiche a rischio, come la giraffa del Kordofan, l’antilope Lelwel, gli ultimi esemplari di elefanti sahariani e i rinoceronti neri. Aiutaci a proteggerlo!

CIAD_LA CREAZIONE DI UN CORRIDOIO DI TRANSUMANZA A PROTEZIONE DEL PARCO DI ZAKOUMA

In Tchad stiamo proteggendo  la biodiversità del Parco Nazionale di Zakouma, il più importante del paese, esteso per circa 3.000 km quadrati a protezione dell’ecosistema sudano-saheliano, unico al mondo. Stiamo lavorando nella piana del Gara, a sud ovest del Parco, zona di intensa pastorizia, attraversata ogni anno da decine di migliaia di capi di bestiame e da famiglie di allevatori nomadi che nell’allevamento trovano l’unica fonte di sussistenza. Dopo un lungo periodo di dialogo e di confronto con le comunità, di concerto con le autorità tradizionali e con i rappresentanti degli allevatori, siamo riusciti a giungere all’accordo di tutte le varie parti per la creazione di un corridoio di transumanza – lungo oltre 300 km.! – rigorosamente esterno al Parco in modo da preservarne l’integrità. L’assemblea nel villaggio di Kié-Kié ha sancito l’approvazione del corridoio e ha creato un comitato che seguirà la posa di 600 cippi di segnalazione.

World Wildlife Day 2019

Negli oceani sono state identificate oltre 200.000 specie marine e vi sono i più grandi ecosistemi della Terra, che includono magnifiche creature e i più grandi mammiferi, come la balenottera azzurra.
La fauna marina ha sostenuto la civilizzazione umana e lo sviluppo per millenni, fornendo cibo e nutrimento e arricchendo le nostre vite dal punto di vista culturale, spirituale e ricreativo.
Oggi questa meravigliosa #biodiversità è minacciata dalla pesca intensiva, dal cambiamento climatico, dall’inquinamento e da modelli di sviluppo del tutto insostenibili.
Il worldwildlifeday di quest’anno sarà centrato sull’importanza di proteggere la biodiversità marina!

ALISEI a sostegno del Parco Nazionale di Zakouma

In Tchad siamo impegnati nella tutela della meravigliosa biodiversità del Parco Nazionale di Zakouma, il più importante del paese, esteso per circa 3.000 km quadrati nella fascia sudano-saheliana, nelle regioni del Salamat e del Guera.

Il nostro progetto interviene nella piana del Gara, ai confini meridionali del Parco, per razionalizzare l’utilizzo condiviso delle risorse agro-pastorali da parte delle comunità dell’area e prevenire lo sfruttamento indiscriminato delle risorse del Parco.

La piana del Gara ogni anno, durante la stagione secca (da novembre ad aprile), viene infatti attraversata da decine di migliaia di capi di bestiame (zebu, dromedari, etc.) in transumanza dalle zone desertiche del nord alla ricerca di acqua e di pascoli. Grazie al nostro intervento il percorso della transumanza verrà delimitato e tenuto all’esterno del Parco, prevenendo le intrusioni degli animali che mettono a rischio il prezioso e fragile ecosistema.
Tra le attività in corso, stiamo provvedendo a scavare bacini di abbeveramento per gli animali (“mares”) e a fornire servizi di vaccinazione e cura nei villaggi lungo il corridoio di transumanza.

La storia della lumaca gigante OBO

La lumaca gigante Obô di São Tomé è presente nella IUCN Red List, come specie vulnerabile e in rapido declino.
La IUCN Red List è un indicatore della salute della #biodiversità nel mondo, uno strumento per informare e indirizzare le azioni e le politiche di protezione delle specie a rischio. Ci sono tre principali cause per il declino della lumaca Obô, che ora si trova solo all’interno del Parco naturale di Obô. Uno tra questi è la distruzione del suo habitat naturale, dovuto alla crescente domanda di legname per edifici e piantagioni. Un altro motivo è l’utilizzo della lumaca gigante come alimento e medicinale. Infine l’introduzione nel suo habitat di specie invasive, per esempio l’Archachatina marginata. Questa specie di lumaca si è diffusa molto rapidamente, come riportato dal progetto Forest Giants, grazie alla sua capacità di adattarsi a diversi ambienti, tra cui piantagioni e aree urbane, contribuendo a ridurre il numero di lumache giganti Obô.

  • 1
  • 2