Tag Archives: acqua

22 Maggio_Giornata mondiale per la biodiversità

Secondo il Rapporto sulla biodiversità globale 2019 (IPBES, link) le principali cause della perdita di biodiversità sono il cambiamento climatico, lo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali, l’inquinamento e l’urbanizzazione. Il 75% di queste e’ connesso ad attività umane.

La pandemia Covid-19 ha dimostrato tutta la nostra fragilità e, mentre l’umanità é chiamata a rivedere il suo rapporto con la natura, una cosa é certa: nonostante tutti i progressi tecnologici siamo completamente dipendenti da ecosistemi variegati, sani e vitali per la nostra salute, per l’acqua, cibo, le medicine, l’energia.

“Le nostre soluzioni si trovano nella natura”: é questo il motto di quest’anno per la tutelare la biodiversità!
link

Progetto Zakouma: acqua significa resilienza e biodiversità

C’è spazio per tutti al bacino idrico di Al-fasallah che abbiamo appena terminato in Ciad!

Non solo gli animali di allevamento ma anche gli animali selvatici del vicino Parco di Zakouma (https://bit.ly/2xjAErF) si avvicinano alla ricerca di acqua (link).
L’accesso all’acqua da una parte aiuta a sostenere la resilienza degli allevatori e delle comunità agricole e dall’altra contribuisce a salvaguardare la preziosa biodiversità del Parco nel subsahel ciadiano.
Per maggiori informazioni vai alla campagna: https://bit.ly/3c7eQ0W

Prog. Zakouma: pronto il pozzo di Al-Fasallah!

Nell’ambito del progetto contro il cambio climatico e a tutela del Parco Nazionale di Zakouma (Ciad), il cui ecosistema, “sudano-saheliano”, é patrimonio dell’umanità per la sua straordinaria biodiversità,
il pozzo profondo che abbiamo realizzato ad Al-fasallah nella Regione subsaheliana del Salamat è attivo.

L’accesso all’acqua potabile risponde ad una primaria necessità, ancora più vitale in un’area colpita dalla siccità e dall’intensificarsi di fenomeni meteorologici estremi.
Manca poco per completare il progetto, per maggiori informazioni vai alla campagna: https://bit.ly/3c7eQ0W

Prog. Zakouma: abbiamo completato il bacino di Al-Fasallah!

Nell’ambito del progetto contro il cambio climatico e a tutela del Parco Nazionale di Zakouma (Ciad), il cui ecosistema, “sudano-saheliano”, é patrimonio dell’umanità per la sua straordinaria biodiversità, abbiamo completato il bacino di abbeveramento (“mare”) e il pozzo profondo di Al-fasallah!

Le comunità locali e gli allevatori nomadi possono ora trovare una risorsa primaria, l’acqua, in un’area caratterizzata da gravi problemi connessi alla siccità e all’intensificarsi di fenomeni meteorologici estremi.

La mare infatti é un’importante fonte di acqua per le mandrie e il pozzo profondo alimentato a pannelli solari é  una fonte di acqua potabile vitale per tutta la popolazione locale.

Aiutaci a sostenere il progetto con una donazione, il tuo aiuto é importante: link

22/03/2019_ World Water Day

Oggi è la Giornata Mondiale dell’Acqua promossa dalle Nazioni Unite, che hanno incluso l’accesso universale ed equo all’acqua potabile fra gli Obiettivi di sviluppo sostenibile del 2030. Il diritto all’acqua è uno dei Diritti Umani fondamentali tanto che l’Assemblea Generale dell’Onu con la Risoluzione 64/292 del 2010 ha riconosciuto che “l’acqua potabile è essenziale per il raggiungimento di tutti i diritti umani”.
Tuttavia, una tra le più gravi crisi che il nostro pianeta sta affrontando riguarda proprio l’acqua. Infatti, dei 1,4 miliardi di km3 presenti sulla Terra, solo l’1% è acqua dolce. Nonostante il 54% di questa sia già utilizzata per il consumo umano, ben 2 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua potabile e quasi 4 miliardi vivono in una condizione di scarsità d’acqua, in particolare le categorie più vulnerabili, quali donne, bambini e rifugiati. Inoltre, l’International Energy Agency stima che il consumo di acqua per produrre elettricità aumenterà dell’85% a causa della produzione manifatturiera.
Questa situazione drammatica è aggravata dagli effetti dei cambiamenti climatici – siccità e inondazioni sia nel Nord che nel Sud del Mondo – da una crescita demografica incontrollata – 2,2 miliardi di persone in più nel 2050 secondo l’ UNFPA -, dall’urbanizzazione intensiva, tutti prodotti da un modello di sviluppo insostenibile.
Un uso più razionale delle risorse in agricoltura, l’introduzione di tecnologie innovative per il riciclo, modelli di consumo ecologici e, in generale, un cambio culturale che segua i principi ambientali espressi dall’Accordo di Parigi, sono fondamentali per rendere il diritto all’acqua effettivamente raggiungibile.
Alisei è impegnata nei suoi progetti di sicurezza alimentare per rendere effettivo l’accesso all’acqua per i più deboli.

I bambini del Niari_Repubblica del Congo

Nel Niari anche un rubinetto crea stupore: e così gli agricoltori del progetto che stiamo realizzando in partenariato con ADD di Dolisie, ricevono spesso visite sul campo da parte dei bambini e degli abitanti dei villaggi che vengono ad ammirare i nuovi sistemi di irrigazione interrati che forniscono l’acqua “su richiesta”!

  • 1
  • 2